Ultimo aggiornamento ad agosto 4, 2022

Mai sentito parlare dune di sabbia in forte espansione? Qualche volta, nel silenzio del deserto, si sente la voce delle dune. Quando soffia il vento o come risultato del calpestio, infatti, il le dune “cantano”: emettono suoni molto distinti, diverso a seconda della dimensione dei granelli di sabbia.

Esistono diversi tipi di dune, e questo raro fenomeno può verificarsi solo quando sono soddisfatte determinate condizioni ambientali, ed è per questo solo alcune dune sono conosciute come “dune di sabbia che cantano”, e può essere trovato in diversi paesi in tutto il mondo.

Cantando / Dune di sabbia in forte espansione

Che cosa sta cantando la sabbia?

Il fenomeno della “sabbia che canta” (o "sabbia in piena espansione") è oggetto di interesse da secoli. Ha affascinato Marco Polo durante i suoi viaggi e incuriosito Charles Darwin, che ha menzionato l'incontro con a cantando dune di sabbia durante i suoi resoconti di viaggio in Cile.

Non è stato fino alla fine del XIX secolo che sono state fatte osservazioni scientifiche che hanno fatto luce sulla voce del deserto: primo, non tutte le dune cantano, ma tutti quelli che fanno sono composti di secco, sabbia compatta. E secondo, il suono viene generato spontaneamente quando la sabbia scivola lungo il lato di una duna, di solito a causa dell'attività del vento. Inoltre, mentre alcune dune hanno la capacità di emettere un suono fino a 110 decibel a una frequenza ben definita, altri intonano più note contemporaneamente, il che significa, ogni duna ha davvero la sua “voce”.

Perché alcune dune cantano

La maggior parte delle dune può cantare in particolari condizioni meteorologiche e ambientali. È più probabile che le dune più grandi si qualifichino come dune cantanti poiché la loro superficie diventa molto calda nel pomeriggio e quindi molto secca. Altri (per esempio, il 10,000 Le dune di Barchan che compongono il deserto del Sahara atlantico intorno a Laayoune, Marocco) può cantare solo se il sole ha potuto asciugare la superficie della duna, che è sempre più difficile da raggiungere per dune sempre più piccole.

Infine, alcune dune non cantano mai (come la duna del Pyla in Francia). Di solito non sono composti da eoliano (sospinto dal vento) sabbia caratterizzata da una distribuzione granulometrica stretta, ma da una forma liscia e arrotondata e da una superficie non levigata dovuta al martellamento negli urti. La spettroscopia a infrarossi ha suggerito che i grani che producono suono potrebbero essere coperti da un caratteristico strato di gel di silice, formata durante i cicli di umidificazione e dry-out. Ancora, il ruolo di questo strato non è stato finora trovato. Inoltre, nessuno è riuscito a produrre sabbia cantante artificiale, partendo ad esempio da perle di vetro industriali o sabbia di fiume.

Come suona la sabbia che canta?

In 1298, Marco Polo ha descritto il "canto" di una duna come i suoni di tutti i tipi di strumenti musicali - e più ordinari, tamburi: riempiendo l'aria. Questo suono forte, che può essere ascoltato fino a 10 km di distanza, ricorda il suono di una sirena da nebbia o di un jet bimotore a bassa quota.

Il canto delle dune.

Dove puoi trovare dune cantanti?

Ci sono alcune selezioni in tutto il mondo in cui è possibile osservare il fenomeno delle dune di sabbia in forte espansione. Una delle dune più famose è Scudo di Akkum (illuminato. “duna che canta) situato nel Parco Nazionale Altyn-Emel vicino ad Almaty, Kazakistan. Altre dune dove è possibile osservare questo fenomeno sono le Great Sand Dunes in Colorado, il Gebel Naqous nel deserto del Sahara in Egitto, i Khongoryn Els nel deserto del Gobi della Mongolia, e le dune di sabbia di Mingha in Cina.

Cantando le dune di sabbia - Kazakistan

Elenco delle dune di sabbia che cantano in tutto il mondo

  • Dune di Kelso – California, NOI
  • Dune di Eureka – California, NOI
  • Grandi dune di sabbia – Colorado, NOI
  • Dune dell'Indiana – Indiana, NOI
  • Barking Sands – Hawaii, NOI
  • Warren Dunes – Michigan, NOI
  • Dune di Ming Sha Shan – Dunhuang, Cina
  • Gebel Naquous – Sinai meridionale, Egitto
  • Dune della spiaggia di Kotogahama – Giappone
  • Dune di sabbia di Sarugamori – Giappone
  • Scudo di Akkam (Duna che canta) – Almaty, Kazakistan
  • Khongoryn Els – Deserto del Gobi, Mongolia
  • Porta Fredda (Sabbie sibilanti) – Aberdaron, Galles

Leggi anche: Arte della sabbia, Dalle sculture alla pittura

lascia un commento